Modelli radiologici polmonari: è necessario comprenderli

Uno dei compiti più comuni dei medici veterinari è l’interpretazione delle radiografie. La radiografia del torace e la sua valutazione possono essere particolarmente complicate se non si conoscono bene i modelli radiologici e l’anatomia toracica di base. Ecco un breve riassunto di ciò che troverete accedendo al webinar completo tenuto da Carlo Anselmi, Dip. ECVDI e Maria Frau, LV e radiologa presso il Pride Veterinary Hospital, Regno Unito.

 

Anatomia radiologica

Sia i cani che i gatti hanno quattro lobi polmonari sul lato destro (craniale, medio, caudale e accessorio) e due sul lato sinistro (craniale e caudale). I quattro componenti anatomici di un lobo polmonare sono: alveolo (componente aerata), bronchi/bronchioli, vasi sanguigni e interstizio.

 

Modelli polmonari

L’identificazione dei pattern polmonari rappresenta il compartimento polmonare più colpito radiologicamente. I pattern che possiamo riconoscere sono: bronchiale, interstiziale, alveolare, vascolare e misto.

 

Modello bronchiale

Il pattern bronchiale rappresenta l’infiltrazione di cellule o fluidi nella parete bronchiale o nello spazio peribronchiale. Radiograficamente risulta un numero maggiore di “ciambelle” e “binari”.

 

Pattern interstiziale

Il pattern interstiziale può essere suddiviso in due categorie: strutturato e non strutturato.

  • Pattern interstiziale strutturato: si riferisce alla presenza di almeno un nodulo polmonare. Differenziare un nodulo polmonare dalla sezione trasversale di un vaso polmonare può essere difficile e portare a diagnosi errate.
  • Pattern interstiziale non strutturato: è dovuto alla presenza eccessiva di fluidi o cellule nell’interstizio polmonare in un modello uniforme, in cui i vasi polmonari rimangono visibili.

 

Pattern alveolare

Il pattern alveolare consiste nella sostituzione dell’aria nell’alveolo con fluido o, meno frequentemente, con cellule, con conseguente aumento dell’opacità del polmone e perdita di visualizzazione dei vasi polmonari. Uno dei reperti radiografici che indicano la presenza di un pattern alveolare è il rilevamento di broncogrammi aerei. Un’altra indicazione di un pattern alveolare è il rilevamento del cosiddetto segno lobare.

La corretta identificazione di ciascuno di questi elementi consente di stabilire una diagnosi differenziale e quindi di indirizzare meglio gli esami diagnostici e/o il trattamento del paziente.

 

Quadro vascolare

Il pattern vascolare si riferisce alla valutazione delle arterie e delle vene principali. Un aumento o una diminuzione di queste ultime può indicare se il paziente ha una malattia cardiaca o extracardiaca.

 

Modelli misti

In realtà, la grande maggioranza delle patologie polmonari coinvolge più di un compartimento polmonare, dando luogo a un pattern misto. Allo stesso tempo, un pattern polmonare può mascherarne un secondo. Pertanto, la storia clinica e i risultati radiografici devono sempre essere presi in considerazione per formulare una diagnosi differenziale più specifica.

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *